Infanzia rubata

Ridateci l’infanzia rubata

I bambini devono giocare e vivere spensieratamente la loro crescita, ma molte mamme questo non lo permettono.

Nel mondo ci sono molte bimbe alle quali è stata rubata la loro infanzia, non è permesso di giocare spensieratamente, né di fare i capricci.

Le loro mamme le hanno fatte entrare in una macchina d’affari che le vede protagoniste. vetrofanie

Sfilano abiti sfarzosi e molto vaporosi in passerelle di tutto il mondo, quando hanno ancora pochi anni. pellicole per vetri

Mostrano la loro bellezza e accompagnate dalle loro mamme portano avanti la loro carriera.

E’ nota la storia della bambina più bella del mondo che molto piccola ha iniziato la sua brillante carriera e il suo volto candido è conosciuto in tutto il mondo.

Già a 8 anni ha conquistato il mondo della moda, riuscendo a ottenere un contratto a tempo pieno da due prestigiose agenzie.

E’ divenuta famosa per il suo sguardo fiero e la sua bellezza che la fanno apparire disinvolta come una modella già grande.

E’ apparsa in foto che hanno acceso delle polemiche, nonchè degli scandali legati a scatti fatti per delle pubblicità e servizi accusati di sessualizzare ragazzine troppo giovani.

Naturalmente, sono stati accusati i genitori per aver permesso tutto questo.

La più autorevole rivista di moda che ha sfoggiato la bravura della bambina è stata italiana.

Oggi Kristina Pimenova ha già 10 anni, ma ha iniziato la sua carriera alla tenerissima età di 3 anni.

Figlia di un noto calciatore russo, Kristina è diventata famosa perché su google sono apparse le sue foto e chiunque cliccasse ” The most beautiful girl in the world” ecco apparire il grazioso faccino di Kristina.

Il successo non si è fatto attendere e incentivata dai suoi genitori, la sua popolarità è decollata.

E’ apparsa alle sfilate e nelle campagne delle linee per l’infanzia di Armani, Replay, Roberto Cavalli, Benetton e altri.

E’ arrivata all’apice del successo posando per Vogue Bambini.

A chi non piace che al proprio figlio si dica che è molto bello e dopo tutto qualche foto e partecipare a qualche concorso per bambini è anche una cosa divertente.

Sacrificare praticamente dalla nascita, una bambina non è giusto.

Affrontare ore di viaggio per andare a posare sotto dei riflettori a qualunque temperatura, saltando le ore da dedicare alla scuola, ai giochi e all’incontro con le proprie coetanee, è molto egoistico per dei genitori.

Un’infanzia rubata, che non le sarà mai restituita, non farà mai di questa bambina una persona felice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *